Il prezzo di guidare senza patente

Guidare senza aver conseguito la patente di guida o con la stessa revocata non è più un reato. Scopriamo insieme tutte le novità introdotte dal decreto sulle depenalizzazioni.

Il prezzo di guidare senza patente
Le variazioni sul Codice della Strada 2016 continuano a riservare grandi sorprese! Il Governo ha infatti depenalizzato la guida senza patente, nonostante i numerosi dissensi, guidare senza documento o con lo stesso non in regola non è più reato, ma solo illecito amministrativo. E’in vigore dal 6 febbraio il decreto legislativo dello scorso 15 gennaio che depenalizza alcuni reati fra i quali la guida senza il tesserino rosa. Chiunque sarà dunque trovato al volante per la prima volta senza aver superato l’esame patente, oppure con la patente scaduta, sarà vincolato a pagare una pesante multa, ma scanserà il processo penale. I recidivi invece, trovati alla guida senza documento patente o con lo stesso irregolare, una seconda volta entro un massimo di due anni dalla prima sanzione, rischieranno il carcere.


Il decreto che depenalizza la guida senza patente

Attraverso il testo della circolare n. 300/A/852/16/109/33/1 del 5 febbraio 2016, il Ministero dell’Interno ha chiarito le novità introdotte dal decreto legislativo n. 8/2016, entrato in vigore il 6 febbraio 2016, in tema di depenalizzazione del reato di guida senza patente (art. 116, comma 15, Codice della Strada). Sono state illustrate le novità normative e le prime indicazioni operative per la guida senza patente e quello che un tempo era definito reato si è ufficialmente tramutato in illecito amministrativo.
Guidare senza patente un ciclomotore, un motoveicolo, un autoveicolo o una macchina agricola, perché mai conseguita o perché la patente in precedenza posseduta era stata revocata, non sarà più reato. Tale “comportamento” è ora punito con una sanzione pecuniaria che può variare da 5 a 30 mila euro e con il fermo amministrativo del veicolo per 3 mesi.

Guida senza patente: quando non è reato

La circolare “depenalizzante”, entrata in vigore lo scorso 6 febbraio 2016, definisce chiaramente le ipotesi di guida senza patente che rientrano nella depenalizzazione e quelle che invece continuano a costituire illecito penale. Secondo il decreto approvato sono dunque depenalizzate le seguenti ipotesi di guida senza patente:
  • guida senza patente perché mai conseguita o perché revocata con provvedimento definitivo notificato all’interessato;
  • guida con patente non rinnovata a seguito di mancato superamento della visita medica di rinnovo o di revisione per mancanza dei requisiti fisici prescritti;
  • guida con patente di categoria diversa da quella prescritta (con l’eccezione del caso previsto dall’art. 116, comma 15-bis, Codice della Strada);
  • guida di macchina agricola o operatrice senza patente o con la stessa diversa (art. 124, comma 4, Codice della Strada);
  • guida di veicoli da parte di titolare di patente estera nonostante il provvedimento d’inibizione alla guida in Italia (art. 135, comma 7, e 136-ter, comma 3, Codice della Strada);
  • guida con patente estera, diversa da patente UE o SEE, scaduta di validità, da parte di persona residente in Italia da oltre 1 anno (art. 135, comma 11, Codice della Strada).

Quando guidare senza patente, è reato

Secondo il decreto legislativo dello scorso 15 gennaio, in vigore dal 6 febbraio, restano invece sanzionate penalmente le seguenti ipotesi di guida senza patente:
  • guida senza patente in caso di recidiva/reiterazione nel biennio: il fatto assume carattere penale, configurandosi come autonoma fattispecie di reato, punita con l’arresto fino a 1 anno;
  • guida senza patente da parte di persona sottoposta a misura di prevenzione: non si applica la norma depenalizzata o la sanzione penale in caso di reiterazione, ma l’arresto da 6 mesi a 3 anni ai sensi dell’art. 73 del D.Lgs. n. 159/2011.

Il prezzo della guida senza patente!

Sebbene il reato di guida senza patente sia stato depenalizzato, la sanzione pecuniaria risulta notevolmente aumentata rispetto a quanto prevedeva la precedente legge: attualmente la stessa varia da un minimo di 5.000 ad un massimo di 30.000 euro; mentre prima la multa poteva andare da un minimo di 2 mila euro ad un massimo di 9 mila.
La procedura applicabile per le fattispecie depenalizzate è quella prevista dal Titolo VI del Codice della Strada (artt. 194 e ss.) e in via residuale dalla Legge n. 689/1981.
Secondo le direttive generali, è ammesso entro 60 giorni il pagamento in misura ridotta della somma pari al minimo edittale (5.000 euro), con possibilità di ulteriore riduzione dell’importo del 30% in caso di pagamento entro 5 giorni dalla notifica o contestazione (3.500 euro).

Guida senza patente: penale per recidiva

Come già evidenziato, chi sarà “beccato” la prima volta alla guida senza patente o con patente non in regola eviterà il processo penale, ma pagherà comunque una pesante sanzione (tra i 5 mila e i 30 mila euro). Nessun processo dunque, ma in ogni caso scatta la confisca del veicolo per i conducenti trovati alla guida senza documento o con tesserino rosa irregolare.
Evidenziamo inoltre che per i “recidivi della guida senza patente”, ovvero i perseveranti nell’errore, resta il pesante onere della sanzione penale, perché come dicevano i latini: “errare humanum est, perseverare autem diabolicum”.

Marilena Locorotondo

Graphic Designer e Web Content Editor. Esperta di comunicazione e blogger per passione. Ama viaggiare, leggere e visitare musei d'arte.
Segue con interesse ed entusiasmo il settore automotive e tutte le ultime novità dal mondo delle autoscuole e della patente.

Quiz e manuale patente sul tuo cellulare gratis